Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Carbonia: Il primo che passa di Gianluca Nativo

Il primo che passa di Gianluca Nativo Il primo che passa di Gianluca Nativo

Il 10 DICEMBRE alle ore 17:00 presso la Biblioteca Comunale di Carbonia, lo scrittore Gianluca Nativo presenta il suo libro Il primo che passa. Dialoga con l’Autore Paolo Giordano. Sarà presente l’Assessore alla Cultura Giorgia Meli.

La presentazione fa parte di un ciclo di incontri organizzati nell’ambito del Progetto Leggerezza – Promozione della Lettura del Cedac Sardegna, di cui il Comune di Carbonia è partner.

L’AUTORE

Gianluca Nativo è nato nel 1990 a Napoli, dove si è laureato in Lettere Moderne. Da cinque anni vive e lavora a Milano. Ha pubblicato racconti su riviste letterarie come “Nuovi argomenti”, “Altrianimali” e “Inuti- le”.

Recensioni sul libro

“Romanzo di formazione, racconto della periferia napoletana, viaggio alla scoperta della propria identità sessuale: c'è tutto questo ma soprattutto molto altro nella storia di uno scontroso studente di medicina, ancora incerto nella vita e nei suoi desideri.”

Mirella Armiero, Corriere del Mezzogiorno

“Dall'università ai vicoli bui parte una sofferta cartografia della città ma anche del proprio desiderio, fra incontri casuali, uomini grandi e lascivi, resistenze incrollabili. Fino a quando l'amore si palesa quasi per caso, ma sarà più che altro l'occasione per il protagonista di superare la coltre sfinente di giudizi che lo animano e permettergli, forse, di definirsi al di là di famiglia, amici, amanti.”

Paolo Armelli, Donna moderna

link dell'intervista di Vogue https://www.vogue.it/news/article/gianluca-nativo-intervista

La partecipazione all’incontro è libera e gratuita fino ad esaurimento disponibilità posti e nel rispetto delle norme anti Covid 19

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 22 volte