Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Carbonia Scrive: Due case e altre cose

Carbonia Scrive: Due case e altre cose Carbonia Scrive: Due case e altre cose

Venerdì 10 Maggio, alle ore 17.30, nella Sala del Centro di documentazione di Storia Locale della Grande Miniera di Serbariu, si svolgerà un nuovo appuntamento con la rassegna "Carbonia Scrive", l'iniziativa di promozione della scrittura e della lettura organizzata dal Comune di Carbonia in collaborazione con lo SBIS (Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis). 
Verrà presentato il libro "Due case e altre cose" dell'Ingegnere Urbanista Paolo Costa, già responsabile dell'Ufficio Tecnico del Consorzio di Bonifica del Basso Sulcis, ente del quale è stato uno dei dirigenti sino alla pensione.

Il suo impegno professionale si è concretizzato, in particolare, nell'attività urbanistica, con la partecipazione alla redazione dei Piani di Fabbricazione in diversi comuni del Sulcis come San Giovanni Suergiu, Giba e Santadi, del Piano Regolatore di Sant'Anna Arresi, del Piano delle aree turistiche (Zone F) di Chia-Comune di Domus de Maria. Costa è stato anche incaricato, per conto dell'Istituto Autonomo delle Case Popolari della Provincia di Cagliari, del progetto di Recupero Urbano del Rio Cannas-Corso Iglesias a Carbonia. Città di cui è stato assessore ai Beni Culturali e Ambientali dal 1988 al 1990 e dal 1990 al 1993 Vicesindaco.
La presentazione del libro "Due case e altre cose" è stata promossa dall'Associazione Amici della Miniera, Storia e radici della Città di Carbonia e dalla CSC Società Umanitaria di Carbonia.
Il testo propone elementi di riflessione che meritano di essere approfonditi attraverso una discussione ad ampio spettro sui temi dell'urbanistica e dell'architettura della città di Fondazione, della sua impronta razionalista, attraverso i suoi protagonisti principali, Cesare Valle e Ignazio Guidi, personalità a cui si deve l'impostazione del Piano Urbanistico Originario. A loro si aggiunge Gustavo Pulitzer Finali, che ha progettato il profilo architettonico del centro, ed Eugenio Montuori, che si è occupato dell'attività di realizzazione di alcuni edifici di particolare pregio, Villa Sulcis e l'Albergo Centrale.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 148 volte Ultima modifica il Venerdì, 10 Maggio 2019 09:57