Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Villamassargia: “Da Su Meri ai Sumeri” di Fioraldo Cocco

“Da Su Meri ai Sumeri” di Fioraldo Cocco “Da Su Meri ai Sumeri” di Fioraldo Cocco

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Villamassargia in collaborazione con Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis - Biblioteca Multimediale “Amelia Camboni” presenta: “Da Su Meri ai Sumeri” di Fioraldo Cocco, Edizioni Susil, 2019.

Dove
: Biblioteca Comunale “Amelia Camboni” Villamassargia Via Monte n.20
Giorno: 12 dicembre 2019 Ore 16:00

L’Autore

Fioraldo Cocco nasce a Sanluri l’otto di Gennaio del 1940. Giovanissimo lascia il paese natio (la sua famiglia si trasferisce per motivi di lavoro, la mamma vince un concorso pubblico e approda il sette gennaio del 1949 nell’isola di Sant’Antioco. Ha un innamoramento immediato per quel paese ed entra in simbiosi con la vita che si svolge sul porto della laguna. Siamo nel primo dopoguerra, la frenetica attività delle persone che con entusiasmo cercano di ricostruire la propria esistenza, crea, nel piccolo palcoscenico di molteplici umanità dove il giovane inizia i primi passi dell’adolescenza, una formidabile palestra di vita. La sua curiosità lo porta all’osservazione, come una spugna assorbe tutto. Conosce per la prima volta la storia del paese che l’ospita attraverso le monete antiche e altri reperti che il parroco conserva nel suo studio. Riceve da lui in dono alcune monete e la curiosità, lo porta alla ricerca sui libri dei popoli che avevano usato quelle monete. Solo dopo quaranta anni e una vita vissuta intensamente, rinasce prepotente l’amore per la storia. Se si esclude un breve racconto (rimasto nel cassetto) scritto durante il periodo del servizio militare, dove tenta di descrivere l’angoscia e la tristezza di un giovane costretto a lasciare la Sardegna per cercare in terra straniera un qualsiasi lavoro (siamo nel 1960), per molto tempo non ha più pensato a scrivere. E’ la storia, ed in particolare la storia della sua terra, lo portano ad iniziare un primo romanzo, dove nel tentativo di riscattare il popolo Sardo dalle angherie subite nei secoli, ipotizza la nascita della civiltà odierna, in Sardegna nel 10° millennio a.C. La curiosità che non lo ha mai abbandonato, unita ad una fantasia sfrenata, lo sprona a scriverne altri, dove l’ambientazione è sempre (quasi) rigorosamente storica.

Il libro
“Da Su Meri ai Sumeri” - SETTEMILA ANNI FA MENTRE ALBEGGIAVA LA CULTURA DI OZIERI
Il sumero è la lingua del popolo dei Sumeri; non è ancora stata dimostrata alcuna parentela con altre lingue note, ed è considerata una lingua isolata. È una lingua ergativa e agglutinante. Dove la lingua sumera sia nata originariamente è in dubbio. Sillabe incandescenti lanciano ancora, dalle lontananze di millenni, i loro segnali luminosi, perchè nella sacralità in cui le ha lasciate l’antichità stessa, le parole, come le stelle, continuano ad irradiare luce anche quando i corpi che la produssero non esistono più.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 133 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Dicembre 2019 10:15