Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Biblionotte 2ª edizione: Hauswirth della montagna. Storia di un poeta della carta.

Hauswirth della montagna. Storia di un poeta della carta. Hauswirth della montagna. Storia di un poeta della carta.

Il 20 Luglio ore 20:30, presso la Biblioteca Comunale spazio esterno Parco Villa Sulcis, la scrittrice Lorenza Garbarino presenta Hauswirth della montagna. Storia di un poeta della carta. Dialoga con l’autrice Giovanna Vitiello

Lorenza Garbarino,
laureata in Materie Letterarie presso l’Università di Cagliari con una tesi su Eugenio Montale, ha pubblicato il racconto “Su strada ferrata” (Editoriale Le Stelle, 2000), la raccolta di poesie “I colori di ieri” (Edizioni Helicon, 2001) e il saggio “La Liguria di Montale” (Ibiskos Editrice Risolo, 2005). Ha curato inoltre i testi (tradotti in diverse lingue) per i libri fotografici di Tiziana Savinelli “L’isola più ad ovest – Immagini d’amore per Carloforte” (2003) e “Cuore di tonno” (2005) entrambi per Syncrhomy. Nel 2002 entra a far parte del Dizionario degli autori italiani del secondo Novecento, con prefazione di Ferruccio Ulivi, e nel 2003 nella “Storia della Letteratura Italiana Contemporanea” a cura di Neuro Bonifazi. “Sui passi di Melania” si è classificato 3° alla XXXII Edizione del Premio Internazionale Casentino per la narrativa inedita.

Hauswirth della montagna. Storia di un poeta della carta. (Ed. Fusta)
E’ stato premiato al concorso Leggimontagna 2018
Racconta la storia di Jean-Jacques Hauswirth, un artista dello Scherenschnitt tipicamente svizzero, l'arte di ritagliare la carta. Non visse particolarmente a lungo, si spense poco più che sessantenne, nel 1871. Tuttavia la sua Svizzera, quella romancia, parla ancora di lui e delle sue mani. Lorenza Garbarino ne ripercorre la vita e lo fa con la delicatezza di chi sa capire quanta fatica serva a barattare una minestra calda o un giaciglio - o anche solo una parola - con un timido gesto artistico.

La partecipazione è libera e gratuita fino ad esaurimenti disponibilità posti e nel rispetto delle norme anti Covid 19

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 32 volte Ultima modifica il Lunedì, 19 Luglio 2021 15:58