Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Carbonia Scrive: Sogno d’Africa

Carbonia Scrive: Maria Teresa Casu - Sogno d’Africa Carbonia Scrive: Maria Teresa Casu - Sogno d’Africa

Nuovo appuntamento in programma nell’ambito della rassegna Carbonia ScriveGIOVEDI’ 21 Giugno presso la Biblioteca Comunale di Carbonia, alle ore 18:00 si terrà la presentazione del libro di Maria Teresa Casu: Sogno d’Africa

Il LIBRO

Racconta la storia di una donna che ha vissuto l'esperienza della migrazione italiana in Africa Orientale negli anni 1938/ ‘40 al seguito del marito che lavorava al Ministero degli Esteri come impiegato nella Ragioneria di Stato. Viene narrata una vicenda personale vista dalla prospettiva di un cittadino qualunque che sceglie, per necessità, l'allontanamento volontario dalle sue cose e dagli affetti più cari. Un'esperienza indimenticabile che porterà la protagonista ad una intima e più obiettiva valutazione del periodo da lei vissuto. Nonostante i problemi e le preoccupazioni che si presenteranno, non rinnegherà mai questo momento che le ha insegnato a comprendere i vari aspetti di una situazione storica e politica così importante per il nostro Paese. Il libro è fruibile da tutti data l'attualità dell'argomento. In particolare dai giovani che poco conoscono la storia del colonialismo Italiano, per guidarli ad una informazione più ampia possibile, che sviluppi il senso della tolleranza e comprensione verso l'altro. Un testo da leggere e rileggere per non dimenticare, fare tesoro del passato e meglio comprendere il presente.

L’ AUTRICE

Maria Teresa Casu docente della scuola media inferiore in pensione è al suo primo lavoro letterario. Si sta già dedicando alla seconda parte del libro attingendo da un epistolario di circa quattrocento lettere casualmente ritrovate, intercorse fra i protagonisti della vicenda a lungo separati a causa della guerra.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 242 volte