Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



diLuigi Ballerini, San Paolo, 2014
PREMIO ANDERSEN 2014 Miglior libro 9/12 anni

Marta ha 12 anni, vive sola con il padre insegnante perché la mamma è morta. Di lei si occupa la nonna, ed è proprio in compagnia della nonna che l’ultimo giorno di scuola si imbatte, proprio nel suo quartiere, in una strana pasticceria. La proprietaria è la signorina Euforbia che fa solo pasticcini su misura, vale a dire pensati e realizzati ciascuno per una particolare occasione o persona. I suoi dolci hanno nomi come “potrebbevenirmi- una-buona-idea” oppure “devotrovare- presto-una-alternativa”. La nonna è irritata da tanta eccentricità, ma Marta – che ha il dono speciale di saper capire se fidarsi di una persona – rimane conquistata da Euforbia e decide di iscriversi al corso intensivo di pasticceria che si terrà nel suo negozio, vincendo le resistenze dei suoi. Con sua grande sorpresa è l’unica a frequentare il corso, ma presto si aggiunge un certo Matteo in cui Marta non tarda a riconoscere il ragazzo ripetente e scavezzacollo, allievo preferito di suo padre. I due sotto la guida di Euforbia imparano l’arte della pasticceria ma soprattutto a osservare attentamente e domandarsi di che cosa le persone hanno realmente bisogno. La settimana di corso passa in fretta e Marta e Matteo diventano amici. Saranno loro ad aiutare Euforbia a risolvere il problema dello sfratto del negozio ricorrendo proprio al sistema dei pasticcini e con un colpo di scena finale.
Sorprese dolci e magiche di una maestra pasticciera come non se ne sono mai viste.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

di Luigi Ballerini, IL Castoro, 2015 
E se un giorno scoprissi che il tuo mondo non è reale e che quello vero si trova al di là di una porta? Saresti pronto a varcarla e a scoprire chi sei?
Zero sta per compiere quattordici anni. Non ha mai toccato un altro essere vivente, non ha mai patito il freddo o il caldo, non sa cosa siano il vento o la neve. Zero è vissuto nel Mondo, un ambiente protetto, dove è stato educato, allenato e addestrato a combattere attraverso droni e a raggiungere obiettivi. A suo modo, Zero è felice. Quando un giorno il Mondo si spegne e diventa tutto buio, Zero pensa si tratti di una nuova grande prova. Cerca delle porte, involontariamente esce. Dal Mondo virtuale in cui è cresciuto entra nel mondo, quello reale, dove nevica e fa freddo, non si comunica attraverso schermi, non c’è nulla che lui sappia riconoscere. Inizia da qui la seconda storia di Zero che, in una fuga sempre più pericolosa da chi l’ha cresciuto, dovrà capire la ragione della sua esistenza e dovrà trovare un modo per vivere nel mondo reale, quello complicato dove dentro e fuori, sapori e odori, amore e ribellione esplodono. E poi la scelta. Tornare indietro? O affrontare una nuova vita? A quale mondo appartiene Zero?

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Con CD Audio, di Luigi Dal Cin, ill. di Emilio Urberuaga, voce narrante Marco Presta, musiche di Fabrizio De Rossi Re, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, 2014
L’improvvisazione musicale raccontata ai bambini usando gli stili della letteratura: gli stessi tre personaggi, protagonisti di otto storie di genere differente - dalla fiaba al giallo, dal racconto di fantascienza a quello di pirati - danno vita ogni volta a situazioni impreviste dal sapore sempre nuovo, proprio come accade con le sette note...

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Luigi Dal Cin, Franco Panini Editore, 2014

Il Canto delle Scogliere è il decimo titolo della collana Le immagini della fantasia dedicata al tema del  viaggio nel mondo delle fiabe! Dieci fiabe e leggende dalla Scozia trascritte da Luigi Dal Cin e dieci illustratori in una sorprendente carrellata di voci. 
Illustratori: Anine Bösenberg, Philip Longson, Lizzy Stewart (Regno Unito, Scozia), Clotilde Perrin (Francia), Mina Braun (Germania), Aurora Cacciapuoti, Giovanni Manna, Marina Marcolin, Marco Paschetta, Marco Somà (Italia), con la collaborazione dell’Edinburgh College of Art e dello Scottish Storytelling Centre di Edimburgo.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 2 di 5